LE COSE PIU’ DIFFICILI DEL NOSTRO LAVORO

Ogni tipo di attività prevede azioni più semplici, vuoi perché ripetitive, vuoi perché per natura non prevedono stravolgimenti ogni qualvolta che le poni in essere;
e azioni un tantino più complicate.

 

Nel nostro lavoro sono 3 le cose a cui diamo tanta tanta attenzione:

 

  1. Sapere quando NON alzare la tariffa
  2. Quotidianamente rispondere (BENE) alle mille tra telefonate, mail e whatsapp che ci inviano i nostri Clienti
  3. Costruire il Rapporto Fiduciario con l’Albergatore

 

1.

Quotidianamente (e più volte durante la giornata) monitoriamo l’andamento tariffario delle Strutture-Clienti e spesso ci troviamo di fronte a situazioni dove a volte, pur avendo un pick up importante, quando raggiunto il budget di giornata, non alziamo ulteriormente la tariffa o lo facciamo con una intensità differente.

Infatti non è un caso che i nostri Clienti abbiano una occupazione che tende in ogni periodo dell’anno al 100%.

La totale occupazione è necessaria (per non dire indispensabile) per mantenere attivi anche tutti gli altri reparti di cui si compone l’Hotel: più sei occupato più puoi vendere una cena, un massaggio, un caffè (leggi anche Cross Selling) – questione di numeri oltre che di bravura #SellSellSell!

Se sei un Bed&Breakfast questa regola ovviamente non vale… ma devi fare sempre attenzione allo Spillage e allo Spoilage.

 

 

2.

Noi siamo parte integrante del processo di creazione del valore all’interno degli Hotel.
Per noi non esiste Pasqua, Natale o Ferragosto:

siamo sempre presenti per i nostri Clienti.

Non passa giorno che non rispondiamo alle esigenze che si vengono a manifestare.

 

Il Ricevimento di Ogni Hotel che seguiamo ha da farci alcune comunicazioni obbligatorie in alcuni momenti della giornata e altre comunicazioni a fronte di ciò che accade in Hotel (ad esempio preventivi complessi, richieste particolari, problemi legati al personale).

 

Ciò comporta 2 conseguenze positive:

da una parte il reparto Ricevimento si sente sempre pronto ad agire nel migliore dei modi perché ha immediatamente soluzione alla problematica venutasi a creare (cosa non scontata dappertutto…) e dall’altra parte DDV ha sempre il polso della situazione interna la Struttura: questo è fondamentale per prendere le decisioni migliori. Sarebbe impossibile dare continuamente indicazioni se non si conoscessero tutti i dettagli.

 

 

3.

Costruire il Rapporto Fiduciario non è cosa semplice: è ciò è cosa risaputa.

Ottenere la fiducia di un’altra persona è possibile solo dopo aver “fatto i fatti”.

 

Ora il problema è capire quali sono questi “fatti”…

 

Perché ci sono alcuni Albergatori che non appena ti conoscono ti chiedono la Luna e in questo caso cerchiamo di far capire che la Luna non la si ottiene nell’immediato.

Il lavoro di Management che si fa all’interno dell’Hotel presuppone diverse tempistiche per le diverse aree di azione che andiamo ad intraprendere:

 

  • Per avere riscontri positivi sulla vendita ci vogliono dai 120 ai 150 giorni: sono tempi dettati dal Mercato – non esiste più la persona che ha un contatto che produce millemila prenotazioni in 15 giorni: … chi afferma ciò è il famoso #Cugggino …e DDV non è parente di nessuno!
    Ora, ad esempio, se tu Albergatore Stagionale ci contatti a Marzo…significa che i primi riscontri ci arrivano ad Agosto/Settembre… quando la Stagione è finita!
    Se si comincia a lavorare a Ottobre-Novembre, significa che da Marzo/Aprile cominciamo a raccogliere i frutti. Solo per settare gli intermediari e far funzionare tutta la tecnologia ci vogliono 2 mesi (nella migliore delle ipotesi).

 

  •  Per avere riscontri positivi dall’organizzazione dei Reparti e dai propri Collaboratori si necessita almeno di 1 anno o di 1 stagione (a seconda della tipologia di Hotel):
    I Collaboratori dapprima ci odiano perché smontiamo il loro modo di agire e lo rimontiamo con Routine e Processi che necessitano di una Attenzione Maggiore a ciò che si faceva prima;
    poi cominciano a capire la bontà dell’azione e solo infine ci accettano completamente quando toccano con mano LA LORO PERSONALE CRESCITA PROFESSIONALE

 

  • Per avere riscontri positivi in termini di Utile dipende da quale gradino partiamo: situazioni nefaste nefaste nefaste (buchi di bilancio da € 500k) siamo riusciti a portarle in zona positiva in 4 anni di (duro) lavoro.
    La durezza sta nel superare quanto prima la diffidenza con la Proprietà/Albergatore e convincersi ad INVESTIRE nella propria Azienda in termini di Tecnologia e Marketing.

 

Capire che la strada che ci impegniamo a percorrere ogni tanto presenta qualche buca non preventivabile, ma superabile.
Ed infine bisogna avere sia una Struttura funzionale che Collaboratori pro-attivi … ma di questo ne parleremo un’altra volta.

 

A conclusione ti lascio con la massima di Confucio stampata nel cuore di tutti noi che lavoriamo in DDV:

 

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neanche un giorno in tutta la tua vita

Condividi